Cos’è la psicoterapia dell’adolescenza o “dell’età evolutiva”

La psicoterapia dell’adolescenza e “dell’età evolutiva” focalizza la propria attenzione ed il proprio intervento terapeutico appunto sulla psicologia dell’adolescenza e del bambino in quanto periodi della vita degni di una particolare considerazione ed interesse poiché il loro andamento determinerà in larga parte la formazione delle caratteristiche della persona nell’età adulta.
È fondamentale in questo senso che l’intervento terapeutico venga effettuato più precocemente possibile durante la vita della persona proprio per aumentarne l’efficacia e la durata dei risultati.
La consulenza per il bambino e per l’adolescente si occupa infatti di fornire risposte adeguate e mirate alla risoluzione delle problematiche caratteristiche di queste importanti e delicate fasi della vita.

A cosa serve

La psicoterapia dell’adolescenza è utile per affrontare differenti problemi comportamentali e quelli riguardanti la particolare psicologia dell’adolescente e del bambino: infanzia e adolescenza sono fasi dello sviluppo in cui si affrontano numerosi cambiamenti (fisici, del pensiero, affettivi e comportamentali).
È sempre utile calibrare l’intervento psicologico differenziando le caratteristiche tipiche dell’adolescenza maschile da quelle dall’adolescenza femminile.

In generale, i problemi adolescenziali che si riscontrano maggiormente sono:

  • Fobia scolastica
  • Elaborazione del lutto
  • Separazione dei genitori

In altri casi si tratta di psicopatologie più strutturate e pervasive, come ad esempio:

  • Disturbi d’ansia e dell’umore
  • Disturbi della condotta
  • Disturbi dell’attaccamento
  • Disturbi dell’alimentazione

Altre difficoltà, legate allo sviluppo del bambino, sono appunto definite “disturbi dello sviluppo”:

  • Ritardo mentale
  • Disturbi dello spettro autistico
  • Difficoltà specifiche del linguaggio, della coordinazione motoria e dell’apprendimento
  • Disturbi dell’attenzione
  • Disturbo oppositivo provocatorio
  • Disturbi dell'apprendimento

In altri casi si tratta di psicopatologie più strutturate e pervasive, come ad esempio:

  • Disturbi d’ansia e dell’umore
  • Disturbi della condotta
  • Disturbi dell’attaccamento
  • Disturbi dell’alimentazione

Altre difficoltà, legate allo sviluppo del bambino, sono appunto definite “disturbi dello sviluppo”:

  • Ritardo mentale
  • Disturbi dello spettro autistico
  • Difficoltà specifiche del linguaggio, della coordinazione motoria e dell’apprendimento
  • Disturbi dell’attenzione
  • Disturbo oppositivo provocatorio
  • Disturbi dell'apprendimento

 

Come funziona la psicoterapia per gli adolescenti

Le modalità di intervento psicoterapeutico nella terapia con gli adolescenti e con i bambini riguardano la relazione terapeutica con l’adolescente/bambini ma si rivolgono anche al contesto in cui il minore è inserito. Pertanto è, per esempio, desiderabile integrare la psicoterapia dell’adolescente con un parallelo supporto ai genitori (sostegno alla genitorialità individuale e/o di gruppo).
È sempre importante ricordare che le problematiche presentate in adolescenza e nell’infanzia possono essere spesso transitorie e dipendenti dal contesto: per questo, l’intervento psicologico in età evolutiva può essere indicato sia in presenza di difficoltà, sia puramente a scopo di prevenzione e sostegno, sia in caso di disturbo conclamato, sotto forma di psicoterapia.

La terapia in età adolescenziale può aiutare a risolvere problemi anche importanti sul nascere.......

Chiamaci ora al 347 919 9463
oppure scrivici ad info@consultazione-psicologica.it